Illustrazione tratta da opera di Giacomo Balla

Quando anche gli storici erano informatori dell’OVRA

di Eugenio Di Rienzo

Tra i tanti obiettivi di una scrupolosa ricerca d’archivio, c’è anche quello di poter dare corpo e sostanza a quella che fu a lungo considerata una semplice leggenda metropolitana. Secondo questa presunta fake news, Aldo Romano, uno dei maggiori storici marxisti del movimento operaio del secondo dopoguerra, sarebbe stato, durante il ventennio, un informatore della Polizia politica. L’ipotesi, a cui faceva riferimento, ma con scoperti accenti giustificazionisti, anche Ernesto Sestan, allievo insieme a Romano della Scuola di Storia moderna e contemporanea diretta da Gioacchino Volpe, può dirsi, ormai, notizia certa e perfettamente verificata. E quello che, fino ad oggi poteva apparire, il semplice traviamento di un giovane studente, incastrato in un meccanismo più grande di lui, rivela una realtà ancora più meschina e più avvilente. Romano non fu infatti un semplice confidente saltuario, ma un vero e proprio «fiduciario diretto» della Divisione di Polizia Politica, a cui faceva capo anche la famigerata OVRA specializzata nell’«opera di vigilanza e repressione antifascista».

Dal giugno 1933 al novembre 1934, Romano inviava informative importanti, tra le quali una lista completa delle personalità politiche e intellettuali che frequentavano la casa di Benedetto Croce per tessere le fila di una non violenta, eppure vitale, resistenza al regime. In quegli stessi anni, altri dettagliati rapporti incrudelivano soprattutto contro Nello Rosselli, fratello di Carlo, fondatore, a Parigi, del movimento di «Giustizia e Libertà». Con una tattica subdola e tendenziosa di illazioni e di ingigantimento di fatti reali, Nello Rosselli veniva presentato come un pericoloso antifascista e non come, come in realtà era, un semplice intellettuale «afascista» poco interessato ad una militanza politica attiva. Tale deliberata opera di falsificazione non fu estranea forse all’uccisione di Nello, insieme al fratello Carlo, avvenuta in Normandia, nel giugno 1937, per mano di elementi dell’estrema destra francese, su mandato dei massimi vertici del fascismo, come suggerisce una pista ancora oggi in attesa di una più puntuale verifica.

Ma cosa spinse Romano ad abbracciare la carriera della spia e a rivolgere la sua attenzione contro compagni di studio, come Rosselli, o intellettuali affermati, da cui era stato benevolmente accolto, come Adolfo Omodeo? Alcuni documenti da me consultati nell’Archivio Centrale dello Stato permettono di fornire una risposta. Per il suo ingresso nelle fila dello spionaggio, fu determinante l’inchiesta della Questura di Napoli che nel 1929 aveva portato alla luce le sue tiepide ma mai sopite nostalgie socialiste, una corrispondenza clandestina con il deputato socialista indipendente Arturo Labriola (che partecipò alla secessione dell’Aventino e fu quindi dichiarato decaduto, il 9 novembre 1926), la sospetta frequentazione del circolo riunitosi attorno a Croce, ma soprattutto la diffusione di un «foglio poligrafico antifascista dal titolo Più avanti!»?

Processato per questi addebiti, Romano, veniva condannato al confino. Restituito alla libertà, il ventenne universitario napoletano fornì però segni di «deciso ravvedimento, orientandosi verso le direttive del Regime, tanto da aver ottenuto l’iscrizione al Partito Nazionale Fascista». In base a questi fatti, la Questura di Roma esprimeva, con una nota del settembre 1935, il parere favorevole a«che il Romano sia radiato dal novero dei sovversivi». Ancora prima di questa decisione amministrativa, Romano aveva potuto godere di un trattamento decisamente favorevole che riguardava la sua attività di studioso. Nel 1934, l’assegnazione di una borsa di studio presso la prestigiosa Scuola storica di Roma. Nel 1935, il posto di bibliotecario del Museo del Risorgimento della capitale. L’anno successivo, l’incarico di provvedere al riordino del Museo di S. Martino di Napoli, concessogli dall’allora ministro dell’Educazione Nazionale, De Vecchi di Val Cismon, che non aveva mancato di elogiarne «l’attività scientifica, e il sincero di lui attaccamento al Regime, presso il Capo del governo». Nei primi mesi del 1937, infine, la speranza più che fondata di poter concorrere con successo alla cattedra di Storia del Risorgimento, presso l’Università di Pisa. Era questo il prezzo del tradimento per la sua attività di informatore ottenuto attraverso la stipula di un«compromesso» con le autorità di polizia, che fu sottoscritto anche da molti altri «sovversivi pentiti» provenienti dalle fila dell’antifascismo socialista, comunista, giellista.

Nell’estate di quell’anno, la situazione tuttavia mutava radicalmente. Su segnalazione della Questura di Napoli, apparentemente all’oscuro della sua attività di «fiduciario», a Romano veniva ritirata la tessera del partito, nonostante le pressioni di Gioacchino Volpe presso Mussolini, Romano cercava allora un contatto con l’opposizione comunista e otteneva un abboccamento con Giorgio Amendola, mettendolo al corrente della sua attività spionistica, ma aggiungendo che questa si era limitata ad alcune informative di poco conto, a causa delle quali «nessuno aveva dovuto soffrire».Romano veniva però riammesso nelle fila del PNF, grazie all’autorevole intervento del capo della Polizia, Arturo Bocchini, che postillava una richiesta di chiarimenti sulla posizione politica del confidente con un laconico ma molto significativo: «Si spieghi come stanno le cose». L’equivoco era così chiarito. E, nel 1939, veniva affidata a Romano la stesura di una «storia antologica del movimento fascista», da pubblicarsi in una casa editrice vicinissima alle posizioni del regime.

Il suo risveglio antifascista avrebbe dovuto, quindi attendere ancora, per verificarsi solo nel settembre del 1943, quando, secondo una testimonianza di Sestan, «Aldo Romano si batté bene nell’insurrezione popolare spontanea delle quattro giornate di Napoli contro i tedeschi», per poi legarsi, ai gruppi comunisti attivi nella città liberatasi, senza il concorso delle forze alleate. E reclutatore dello spregiudicato voltagabbana fu questa volta proprio il «compagno Ercoli», che secondo uno dei suoi più stretti collaboratori, Italo De Feo, era molto largo di mano nel concedere l’ingresso nelle file del suo partito ai fascisti orfani di Mussolini.

A Togliatti fa capo oramai l’intera organizzazione del partito, che egli cura nei minimi particolari. Di ogni dirigente di rilievo, che non conosce, vuole la scheda personale. Non fa molto caso alle compromissioni con il fascismo, se ci sono state, “tanto tutti lo erano”, e a voler fare i puristi ci sarebbe da mettere più della metà degli italiani in campo di concentramento (al PNF erano iscritti molti milioni). Ma ferma l’attenzione sulle qualità personali e sui servizi che si possono rendere al partito. A Napoli, per esempio, accettò che Malaparte scrivesse un articolo sull’”Unità”: quello intitolato Sangue a S. Frediano, ove si parlava dell’uccisione di Gentile, e si recò anche a Capri a visitare la villa che lo scrittore possedeva in un punto panoramico.

Romano entrò a far parte, così, del cerchio magico di Togliatti, per farsi docile strumento del programma di instaurare una nuova egemonia intellettuale. Primo obiettivo di questa operazione doveva essere la liquidazione dei vecchi maestri della cultura italiana. E se per far fuori Gentile bastò il fuoco dei nuclei gappisti di Firenze, più difficile si presentava la resa dei conti con l’antifascista Benedetto Croce, che, pure, Togliatti attaccava sfrontatamente, nell’editoriale di«Rinascita» del giugno 1944, accusandolo di essere stato «complice del fascismo», per la sua irriducibile propaganda anticomunista «svoltasi all’ombra del littorio». A questa imputazione seguiva una sdegnata reazione del direttore de «La Critica» e quasi una crisi del Governo Badoglio (di cui il filosofo e il capo del PCI erano entrambi componenti), evitata di misura da una parziale smentita dello stesso Togliatti.

A poche settimane dall’accaduto, Croce riusciva ad ottenere «l’informazione precisa e sicura che colui che scrisse o suggerì al Togliatti le calunnie contro di me per il mio immaginario atteggiamento contro i comunisti durante il periodo del fascismo, è stato il giovinastro Aldo Romano». Nel rapido cambio di regime, insomma, molti lupi, travesti da agnelli, avevano perso il pelo, ma non il vizio. Spia, infatti, a volte si diventa. Più spesso, invece, si nasce e si muore.

(Pubblicato il 11 ottobre 2021 © «Corriere della Sera» - La nostra storia)

Top page

 


Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Wikio IT
Stampa articolo
Segnala ad un amico